Il cittadino è responsabile di quanto afferma nelle autocertificazioni. Le amministrazioni possono effettuare controlli sulla corrispondenza a verità delle dichiarazioni sostitutive. Nel caso di affermazioni false, la dichiarazione sostitutiva è priva di valore e il cittadino decade dai benefici eventuali derivanti dalla dichiarazione. Inoltre, il cittadino è denunciato all’autorità giudiziaria e va incontro a conseguenze penali. Infatti, le dichiarazioni menzognere, la formazione o l’uso di atti falsi sono punite ai sensi del codice penale e delle leggi speciali in materia (la sanzione può essere pecuniaria o la reclusione a seconda della gravità del fatto). Inoltre, l’esibizione di un atto contenente dati non più rispondenti a verità equivale all’uso di un atto falso.

Ultimo aggiornamento

Domenica 09 Dicembre 2018