Mediante un'autocertificazione, il cittadino può sostituire, per ragioni di semplificazione, certificati che siano stati a lui richiesti dagli uffici della P.A., da gestori di servizi pubblici ovvero da soggetti privati. Nei casi consentiti dalla legge, anziché produrre il vero e proprio certificato, il cittadino potrà effettuare una dichiarazione che conterrà l'informazione del certificato stesso (ad es. potrà dichiarare di essere iscritto all'università anziché produrre il certificato di iscrizione universitaria). Per questo motivo le autocertificazioni sono, più correttamente, chiamate dichiarazioni sostitutive di certificazioni.

Ultimo aggiornamento

Domenica 09 Dicembre 2018